Intervista alla giornalista Ida Garberi

Ida Garberi giornalista italiana a Cuba. 

Intervista di Davide Matrone. Quito aprile 2014

La giornalista Ida Garberi

La giornalista Ida Garberi

Vivi a Cuba da quasi 15 anni. Quando ci sei andata per la prima volta e quando hai deciso di restarci?

A Cuba, ci sono stata per la prima volta in vacanza nel ’98 e già da allora era maturata la consapevolezza di voler fare un’esperienza lì. Alla fine del 2000, stanca dell’Italia, ho deciso di andarci e studiare lo spagnolo. Da allora ci sono restata.

Ora svolgi l’attività di giornalista, sei responsabile italiana di Prensa Latina1 e Cubadebate2. Quando hai iniziato questo lavoro?

Lavoro con Prensa Latina dal 2002 e volontariamente con Cubadebate (fondata nel 2003) dalla fine del 2010, ossia quando è nata la pagina in italiano. La giornalista cubana Rosa Miriam Mirizialde3, che è anche l’editrice di Cubadebate, mi chiese se io volessi aiutarla ed accettai. Lavoro anche per Cubainformación4 come colonnista e fin qui ho pubblicato più di centocinquanta lavori nelle pagine di Rebelión5 e non ricordo quanti per Cubadebate. Ci sono anche una quantità di articoli scritti dall’Honduras dove ci sono stata per quasi un anno.

Approfondiamo questa esperienza in Honduras. Tu sei stata lì durante il colpo di stato contro l’allora presidente Manuel Zelaya nel 2009.

Ho lavorato come giornalista e come difensore dei diritti umani con il Cofadeh6 che è un’organizzazione non governativa riconosciuta dall’Onu, nonché il Comitato dei parenti dei 200 scomparsi degli anni’80. In Honduras ci sono ancora centinaia di desaparecidos di cui non se ne parla affatto e non si sa il numero preciso in quanto non si sono ritrovati ancora i corpi. La situazione dei diritti umani in questo paese continua ad essere abbastanza critica e la Direttrice (Bertha Oliva ndr) del Codafeh riceve ancora minacce di morte per la sua continua esposizione.

Parliamo dell’Honduras e della figura di Zelaya.

Questo paese, a mio avviso, è tradizionalmente uno dei più fascisti dell’America Latina con un’incredibile penetrazione statunitense. Qui, nel passato, si installarono delle basi militari che servirono per l’addestramento dei Contras per sconfiggere la revolución sandinista nel vicino Nicaragua. L’identità e la lingua di questo paese sono state praticamente violate. Zelaya si è dovuto confrontare con questa realtà cercando di proporre una visione marcatamente progressista con un programma di recupero dell’identità nazionale e con una decisa rottura con la tradizionale società borghese – fascista, di cui la sua stessa famiglia apparteneva. Manuel Zelaya, infatti, veniva da una delle dieci famiglie più importanti e influenti del paese e suo padre è stato uno dei responsabili del massacro de los horcones7 nel quale persero la vita decine di contadini e anche due preti.

Honduras

Honduras

Qual è stato il fattore dirompente della politica di Zelaya?

Certamente quello di aver restituito un’identità nazionale al popolo honduregno risvegliando un’appartenenza territoriale che nessuno poteva sognarsi. Zelaya ha praticamente fatto un miracolo e il golpe di Honduras non ha funzionato secondo i piani prestabiliti. Gia dal primo giorno in cui avevano portato via il presidente in Costarica, erano scesi in piazza in molti tra cui anche componenti del partito nazionalista. Un altro elemento interessante è stato quello di aver scardinato finalmente il bipartitismo politico liberale – nazionalista, grazie alla costituzione del Partido Libre8 che oggi è la seconda forza politica del paese.

In America Latina negli ultimi anni si sono registrati una serie di colpi di stato nei confronti dei governi progressisti o rivoluzionari. Il primo si è verificato nel 2002 in Venezuela, poi in Bolivia nel 2008, in Honduras un anno dopo, ancora in Ecuador nel settembre del 2010, in Paraguay contro il presidente Lugo nel 2012 ed ora assistiamo nuovamente alla destabilizzazione del Venezuela. In Honduras e in Paraguay le forze reazionarie sono riuscite a riprendere il potere. Cosa pensi al riguardo?

In Paraguay purtroppo è vero, che la destra è tornata al potere, riuscendo a soffocare le proteste. Invece in Honduras credo che il golpe ha avuto un effetto molto positivo nel popolo, che si è svegliato, è sceso sulle strade ed ancora protesta. Certo il potere è nelle mani dei fascisti, però il popolo continua a lottare, per ottenere la sua assemblea costituente. Si sa, il potere ai fascisti bisogna rubarlo, non lo regalano MAI!!!! Inoltre, gli Stati Uniti hanno perso il loro cortile di casa e non sono disposti a perdere tutto quello che avevano. In Venezuela l’attuale ed ennesimo progetto di destabilizzazione è dovuto al fatto che lì c’è il petrolio e gli U.S.A. non possono gestirlo come prima. La Conferenza di Pace in Venezuela, che ha visto la direzione del cancelliere dell’Ecuador Ricardo Patiño, ha fermato parte della violenza nel paese. Comunque tutti dovranno sempre stare attenti perché gli Stati Uniti continueranno a destabilizzare la regione.

Ritorniamo a parlare di Cuba. Quali sono le principali difficoltà di un giornalista in questo paese?

Uno dei difetti principali del socialismo cubano è quello di voler controllare e censurare quello che si scrive. A mio avviso, in questo momento l’unica stampa cubana credibile all’estero è quella fatta dai giornalisti di Juventud Rebelde9 o del Granma10 però sui loro blog. Se è creata una blogsfera cubana, nella quale anch’io scrivo, costituita da giovani giornalisti che trattano i problemi reali della quotidianità. Qualche tempo fa, il New York Times, ha interpellato alcuni bloghisti cubani di Matanzas per avere delle opinioni sulla gioventù cubana. Questo episodio ci fa intendere che, ci piaccia o non ci piaccia, risulta più credibile la blogsfera cubana che gli organi di stampa ufficiali. Durante l’ultimo congresso nazionale dei giornalisti realizzatosi alla fine del 2013, abbiamo discusso di queste cose e giá si vedono dei cambiamenti anche se ancora troppo lentamente. Sembra che dalla prossima estate internet sia libero in tutte le case di coloro che potranno pagarlo visto i prezzi esorbitanti. Però ritengo che questo sia molto importante così molti cubani potranno comunicare con più faciltà coi loro parenti all’estero.

Quant’è cambiata Cuba negli ultimi 14 anni?

Tantissimo.

E’ un paese sempre in movimento.

Io dico sempre che a Cuba uno non ci si può annoiare perché i cubani sono imprevedibili. In una giornata ti possono rivoltare il paese com’è successo con l’ultima legge dell’emigrazione11 nel gennaio dell’anno scorso. Nessuno se l’aspettava.

Quali sono gli aspetti della stampa occidentale e italiana che ti danno fastidio quando descrivono Cuba?

Principalmente quella di raccontare un sacco di balle. Invece di fare delle critiche costruttive, se ne fanno stupide e legate ancora ai cliché degli anni ’80 o al periodo especial degli anni ’90 per cui non vogliono riconoscere che a Cuba ci sono stati dei cambiamenti.

Per esempio?

Quella di avere un negozio privato, esiste un progetto dell’eliminazione della doppia moneta che non ha più alcun senso, un progetto dell’aumento dei salari e un progetto dell’eliminazione della libreta de abstecimiento che è servita al suo momento ma oggi non ha nessuna utilità ed è oltretutto insostenibile.

Come vedi il futuro di Cuba?

Nel 2016 Raúl Castro ha già annunciato di voler lasciare la presidenza e io sogno che il Vice Primo Ministro, Miguel Diaz Canel, sia il nuovo presidente di Cuba. E’ una persona giovane di 53 anni con una visione molto aperta, molto di sinistra. Lui è il principale sponsor di una nuova legge di stampa e questo sarà importante in quanto i giornalisti dovranno avere non solo doveri ma anche diritti. Ci sono però delle correnti all’interno del gruppo dirigente che non sono d’accordo con la nomina a Presidente di Miguel Diaz Canel. Questo gruppo resta ancorato su determinate posizioni obsolete e con la caduta del muro di Berlino si sono dimostrate anche pericolose.

BLOCCO-ECONOMICO4

E il futuro dell’America Latina che è in crescita rispetto all’Europa?

Io spero che continui cosi. L’America Latina ha dimostrato e sta dimostrando all’Europa qual è la via da seguire per progredire ed uscire dalla crisi e noi europei continuano ad essere stupidi e non la vogliamo ascoltare. Uno degli elementi interessanti in atto qui in America Latina è l’integrazione regionale che si concretizza attraverso una serie di organismi come il Celac12. Grazie a questo organismo, a Cuba si sta terminando di costuire la zona speciale del Mariel13 che è fondamentale per i cubani, in quanto potranno scrollarsi di dosso molti effetti negativi del bloqueo. Oltretutto con la nuova legge di inversione straniera molte nazioni potranno usfruirne.

L'Alleanza Bolivariana per le Americhe (ALBA) (in spagnolo: Alianza Bolivariana para América Latina y el Caribe) è un progetto di cooperazione politica, sociale ed economica tra i paesi dell'America Latina ed i paesi caraibici, promossa dal Venezuela e da Cuba in alternativa (da cui il nome) all'Area di Libero Commercio delle Americhe (ALCA) voluta dagli Stati Uniti. L'aggettivo "bolivariana" si riferisce al generale Simon Bolivar, l'eroe della liberazione di diversi paesi sudamericani dal colonialismo spagnolo

L’Alleanza Bolivariana per le Americhe (ALBA) (in spagnolo: Alianza Bolivariana para América Latina y el Caribe) è un progetto di cooperazione politica, sociale ed economica tra i paesi dell’America Latina ed i paesi caraibici, promossa dal Venezuela e da Cuba in alternativa (da cui il nome) all’Area di Libero Commercio delle Americhe (ALCA) voluta dagli Stati Uniti. L’aggettivo “bolivariana” si riferisce al generale Simon Bolivar, l’eroe della liberazione di diversi paesi sudamericani dal colonialismo spagnolo

E l’Italia? Come la vedi?

Un totale disastro senza futuro. A parte poche eccezioni, è guidata da una classe politica completamente corrotta. Vedo la soluzione nei movimenti sociali, non credo molto nei partiti a struttura verticale. Vedi siamo qui a Quito e se osserviamo il processo che si è costituito qui in Ecuador ci conferma proprio questo. La Revolución Ciudadana nasce all’indomani di un lungo periodo di corruzione in Ecuador. Il Movimento Alianza Pais, con a capo Rafael Correa, vince e convince perché si afferma come movimento nuovo, pulito contro la vecchia partitocrazia. L’idea di Correa è stata quella di coinvolgere gente che non fosse mai stata eletta in nessun governo. Alla fine il progetto è risultato, e risulta, ancora vincente e convincente.

Qundi tu non ritorneresti in Italia?

No, assolutamente!.

Parliamo dell’esperienza ecuadoriana e della partecipazione alla Escuela de Formación del Buen Vivir organizzato dal Ministero degli Esteri dell’Ecuador.

E’ stata molto interessante. Dell’Ecuador ho seguito da sempre il Movimento Alianza Pais e cosi venendo qui ho voluto conoscere e conversare con alcuni dei suoi protagonisti. Purtroppo per mancanza di tempo non ho potuto realizzare l’intervista a Correa e nemmeno al Cancelliere Patiño, però sono riuscita ad intervistare una donna molto in gamba che è Gabriela Rivadeneira che con solo 30 anni è la Presidente dell’Assemblea Nazionale.

Impensabile in Italia

Si, assolutamente. E’ impensabile oltretutto che un cancelliere (il Ministro degli Esteri) si sieda con te a terra e canta “Venceremos”14 degli Intillimani.

Ricardo Patiño Ministro degli Esteri dell'Ecuador

Ricardo Patiño Ministro degli Esteri dell’Ecuador

Trattiamo ora il caso dei 5 cubani. Tu da anni fai parte del Comitato di Liberazione15. Qual è l’attualità del caso?

Attualmente tre cubani restano ancora in carcere negli Stati Uniti mentre gli altri due sono stati liberati in quanto hanno scontato totalmente la pena. René Gonzalez16 ha ridotto la sua condanna per aver rinunciato alla cittadinanza statunitense, mentre Fernando Gonzalez come cittadino cubano ha dovuto scontare l’intera pena. Per me l’unica possibilità è uno scambio con i nord americano Alan Gross.

Alan Gross

Alan Gross

Chi è Alan Gross?

E’ un cittadino nord americano che è stato arrestato a Cuba nel 2009 e poi condannato definitivamente nel 2011 perché accusato di aver sovvertito la rivoluzione cubana attraverso l’uso di strumenti di propaganda anti – cubana (parabole, pc, server, telecamere). Data l’età avanzata del detenuto, il Governo Cubano è disposto a trattare la sua scarcerazione sempre quando gli Stati Uniti sono disposti a rilasciare gli altri tre cubani, ma il Presidente U.S.A. finora non ha accettato. La moglie di Alan Gross ha chiamato in tribunale Obama e sembra che voglia dimostrare che il presidente non sia riuscito a fare tutto il possibile per la realizzazione di tale scambio. Ha chiesto al governo 600 milioni di dollari di indennizzazione. Vediamo come risponde Obama al richiamo del portafoglio, visto che è sordo alla solidarietà internazionale.

Il caso dei 5 è ritornato all’attualità in Italia con l’arrivo a Roma di Mariela Castro17. Un gruppo di parlamentari e senatori hanno rivolto un appello al Presidente U.S.A. Obama chiedendone la scarcerazione.

E’ stata abbastanza positiva quest’iniziativa, perché nonostante il disastro politico la senatrice Valentini del PD ha dimostrato che non tutti sono uguali.

Informazioni su QUITO LATINO

Notizie dall'Ecuador e dall'America Latina
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Intervista alla giornalista Ida Garberi

  1. Pingback: (VIDEO) Ida Garberi: «I fascisti non regalano il potere, mai!» |

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...