1994 un anno che ha posto le basi del cambiamento in America Latina: Messico e Venezuela

1994 un anno che ha cambiato le sorti dell’America Latina

di Davide Matrone

MESSICO_ Il 1° gennaio del 1994 mentre nella capitale si celebrava la messa in marcia del Trattato di Libero Commercio dell’America del Nord  (NAFTA), un accordo con gli U.S.A. e Canada che doveva portare benessere e ricchezza anche al Messico, nella regione del Chapas, un gruppo di incappucciati si alzava in armi e rovinava la festa al presidente messicano Carlos Solinas Gortari.

download (1)

Al comando di questi incappucciati il Subcomandante Marcos e l’autoproclamatosi Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) dichiarò la guerra al governo; avvertì del pericolo della globalizzazione – la nuova corrente lanciata dalla Casa Bianca come tappa di superamento della Guerra Fredda.

L’EZLN rivendicò i diritti dei popoli indigeni progettando la costruzione di un nuovo modello democratico, anticapitalista e antiliberale.

In questi anni, l’ortodossia del libero mercato e il Consenso di Washighton continuavano a marciare in America Latina. L’EZLN significò una forza di trasformazione importante ma insufficiente a frenare questa valanga che avanzava in Messico. Oltre al NAFTA Washington realizzò l’Operazione  Guardian  cioè la militarizzazione della frontiera messicana.

Il primo decennio dell’applicazione della NAFTA diede al Messico numeri catastrofici e cioè: chiusure di 28.000 imprese piccole e medie, solo 1 su 3 messicani godeva di un lavoro formale, questo significava 75 milioni di persone senza alcuna prestazione e quindi esclusione dal sistema di inclusione sociale. Inoltre il paese perse la propria sovranità alimentaria e cosi che nel 2004 il paese dovette importare il 90% della soia, il 60% di riso, il 50% di grano e il 25% di mais.

Oggi dopo 20 anni il Messico resta uno dei paesi dell’America Latina con un’ enorme disuguaglianza economica e sociale ed è uno dei paesi più violenti del mondo. L’ex Presidente Felipe Calderon ammise che in 5 anni ci furono più di 60.000 assassini. In merito alla povertà la Banca Mondiale ha dichiarato che il 53% dei messicani oggi vive in una situazione nella quale non può mangiare il sufficiente e avere una vita sana.

VENEZUELA_Era il 26 marzo del 1994 quando dal carcere di Yare veniva liberato Hugo Chavez. L’ex comandante fu incarcerato per il tentato colpo di stato contro il Presidente Carlos Andrés Pérez (1992). Migliaia di persone andarono all’esterno del carcere per vedere colui che sarebbe diventato per 14 anni Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Chavez durante il periodo di carcere aveva cominciato a progettare il suo programma politico che poi realizzò una volta al potere.

download (2)

Annunci

Informazioni su QUITO LATINO

Notizie dall'Ecuador e dall'America Latina
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...