Intervista a Teresa Subieta Serrano dell’Istituzione Boliviana CONTEXTO

Intrevista a Teresa Subieta Serrano, Direttrice Nazionale dell’ Istituzione boliviana CONTEXTO

di Davide Matrone – Quito agosto 2013

Teresa Subieta Serrano coautriz de libro "De la SUMISION a la EMANCIPACION"

Teresa Subieta Serrano coautriz de libro “De la SUMISION a la EMANCIPACION”

Quando nasce quest’istituzione? e quali sono le attività principali?

Contexto nasce nel 1990 sulla spinta di alcune donne e di alcuni dirigenti della periferia della città di LA PAZ che stavano lottando per la difesa di un centro infantile che stava per essere chiuso dalle autorità locali. Avevano questo centro che garantiva la colazione gratis a più di 100 bambini con un’età inferiore ai 6 anni. Nella stessa zona c’era un gruppo di donne, delle zone periferiche della città, che soffrivano dei problemi molto gravi di salute durante il parto. Un giorno il parroco della zona mi propose di creare un progetto che aiutasse queste donne in difficoltà. E cosi, queste due situazioni di disagio sociale hanno consentito la nascita dell’Istituzione CONTEXTO.

download

Quali obiettivi ha raggiunto l’Istituzione nel frattempo?

Dunque nel 1990 c’erano solo 50 donne che facevano parte di tale istituzione e si riunivano solo per ricevere alimenti in forma caritatevole. Negli anni abbiamo cambiato questa mentalità assistenziale in una mentalità di autodeterminazione. Oggi le donne non mostrano solo le mani per ricevere qualcosa ma le mostrano anche per dimostrare che sono capaci di informarsi, di organizzarsi e mobilizzarsi per il loro diritti.

E quante donne oggi lavorano con e per l’istituzione?

Sono 5000 a livello nazionale. Quest’istituzione è nata a La Paz e nella città di Potosi ed ora siamo nelle regioni di Santa Cruz, Cochabamba, Oruro, Beni, Chuquisaca. Purtroppo manca solo nella regione del Tarija però nel frattempo un’organizzazione di donne ci ha chiesto di essere presenti anche lì e cosi si stanno organizzando.

C’è stato un cambiamento con l’arrivo del Presidente Evo Morales?

E’ cambiata moltissima la situazione, perché con i governi neoliberali le nostre donne non erano assolutamente considerate. Per esempio queste donne volevano convertire le loro organizzazioni in scuole dove poter terminare i loro studi e ricevere un titolo di partecipazione da parte del governo. L’abbiamo chiesto e fatto durante il Governo di Losada, ma non è successo nulla. L’abbiamo ripetuto con il Governo Transitorio del 2005, quando addirittura c’era una compagna rivoluzionaria del MIR e nemmeno è successo nulla. Con l’arrivo di Evo Morales abbiamo realizzato un’alleanza strategica che ci ha permesso di creare un convegno grazie al quale le organizzazioni delle donne si sono convertite in scuole. Oggi queste donne possono terminare i loro studi elementari e questo anche grazie alla nuova legge d’ educazione Avelino Siñani che permette loro un riconoscimento a livello governativo.  (http://bolivia.infoleyes.com/shownorm.php?id=2676).

Parliamo del maschilismo in Bolivia. Come si legge nel tuo libro “nella cultura aymara in Bolivia, la nascita di un maschio si celebra. La discriminazione delle donne comincia sin dalla loro nascita”.

Il maschilismo non appartiene solo alla cultura Aymara. Tu sai benissimo che ha radici molto lontane e il maschilismo presente nella cultura maschilista ha impedito la vera uguaglianza di genere tra donne e uomini. La cultura maschilista esiste nella cultura aymara, in quella quicha e in quella amazzonica. Ed è evidente che il capitalismo ha rafforzato queste pratiche maschiliste all’interno delle suddette culture in quanto ha avuto una forte penetrazione all’interno delle stesse. Oggi, d’accordo ad un’altra nuova legge, dello Stato Plurinazionale Boliviano, si sta realizzando un lavoro in difesa delle donne. Si vogliono recuperare i valori ancestrali tra l’uomo e la donna basati sul rispetto, sulla reciprocità e sulla complementarietà. (http://bolivia.infoleyes.com/shownorm.php?id=4360).

Nello scorso maggio  è stata approvata una nuova legge, secondo la quale, si permette la ricandidatura e la rieleggibilità dell’attuale Presidente Evo Morales. (https://quitolatino.wordpress.com/2013/05/25/bolivia-promulgata-la-legge-di-applicazione-normativa-evo-morales-candidato-per-la-terza-volta/)

Si, d’accordo alla Nuova Costituzione dello Stato, in uno dei suoi articoli, si da diritto a due elezioni e quindi il Presidente Evo Morales può ripresentarsi per una seconda volta.

E voi appoggerete il Presidente Evo Morales?

Logico!

El Presidente Bolviano Evo Morales

El Presidente Bolviano Evo Morales

E perché?

E’ importante perché non sta governando solo con una cupola come nel passato succedeva coi governi neoliberali. Lui è insieme a cinque organizzazioni nazionali come:

– CSUTCB ( Conferación Sindical Única de Trabajadores Campesino de Bolivia)

– CSMCO “BS” ( Confederación Sindical de Mujeres Campesina Originarias “Bartolina Sisa”)

– Conferedación de Comunidades Interculturales ( Ex Confederación de Colonizadores)

– CONAMAQ

-CIDOB

Queste 5 organizzazioni nazionali hanno dato vita ad un PATTO DI UNITA’ che ha permesso di avere una NUOVA COSTITUZIONE POLITICA DELLO STATO, dove si riconoscono finalmente le 36 culture e Nazioni originarie della Bolivia. Ora stiamo decidendo l’agenda 2025. Con questa agenda abbiamo l’ambizione di eliminare la povertà estrema entro quest’anno e sappiamo che è un obiettivo grande. Questo oggi è il nostro sogno.

DSCF3056

Oggi siamo qui a Quito per celebrare i 25 anni della morte di Monsignore Leonidas Proaño  con la partecipazione di molti popoli originari del continente latinoamericano. Cosa pensi di questa partecipazione?

Questo III incontro latinoamericano è vitale, in quanto ci permette di consolidare le esperienze dei vari popoli ancestrali dell’America Latina. E’ un modo per poter rafforzare questa rete tra i vari paesi partecipanti come l’Ecuador, la Bolivia, Cuba, il Costarica, la Colombia ed ora si sta aggiungendo anche il Perù. Stiamo qui per recuperare e valorizzare la teologia della liberazione che continua a rappresentare un cammino per la liberazione dei popoli e la costruzione del Regno di Dio in terra.

Advertisements

Informazioni su QUITO LATINO

Notizie dall'Ecuador e dall'America Latina
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...