Intervista a Máxima Apaza del popolo aymara della Bolivia

Máxima Ampara nella parte centrale della foto (cappello nero, vestito celeste e arancione)

di Davide Matrone

Intervista a Máxima Apaza del popolo aymara della Bolivia

Contexto è un’organizzazione boliviana nata circa 20 anni fa nella città di La Paz ma nel frattempo ha aperto nuove sedi anche in altri municipi. Oggi si contano 19 sedi nel Municipio della capitale La Paz e 13 sedi nel Municipio di Potosi.
E’ un’istituzione cattolica di sviluppo sociale che promuove lo sviluppo sociale e culturale dei settori popolari. Il lavoro fin qui profuso è orientato verso la realizzazione di una società fraterna, solidale, degna, giusta e sovrana.
Tra i componenti di questo gruppo sociale c’è anche Máxima Apaza che ci lavora dalla sua nascita.
Màxima appartiene alla nazionalità Aymara la più numerosa della Bolivia che oggi è un soggetto propulsivo della Rivoluzione Socialista Democratica in atto.

Recentemente in Bolivia Evo Morales è stato confermato Presidente del Paese…
Sono contenta di vivere questo processo storico.
Si nelle ultimissime elezioni (novembre 2009) abbiamo vinto con oltre il 64% dei voti. Abbiamo riconfermato il nostro Presidente Evo e il Vice Presidente Alvaro Garcia Linera.
Questo significa una continuità ed un consolidamento della trasformazione in Bolivia che stiamo portando avanti da qualche anno. Il sogno continua.
Con questo, però, non significa scontrarsi con le classi alte del paese, aumentare il conflitto con i fratelli e le sorelle che non sono d’accordo con noi. Dobbiamo unire e unirci a questi gruppi.
Dobbiamo far si che il Buen Vivir si realizzi per tutti.
Vedi per noi, relazionandomi all’incontro al quale oggi partecipo qui a Quito, il Kumak Kasuay (Buen Vivir) non è mangiare bene, dormire bene, vivere bene. Questa è un’altra cosa e si chiama Vivere Bene.
Il Buon Vivere è unità, egualità, libertà, inclusione, solidarietà, reciprocità, complicità, rispetto, equità sociale, complementarietà, equilibrio, partecipazione, benessere collettivo, giustizia sociale, responsabilità, redistribuzione delle risorse che la nostra Pachamama ci offre. Tutto questo appartiene a tutti e rientra nella sfera politica, economica e sociale di q
ualsiasi Paese.
In questo momento, in Bolivia, è in atto una Rivoluzione Democratica – Culturale che impianta nel suo Buen Vivir tutti questi elementi.
Tra noi compagni e compagne c’è la massima collaborazione. Siamo e dobbiamo essere sempre svegli, non c’è un momento di riposo. Siamo sempre pronti ad intervenire per la difesa della Rivoluzione. Siamo i soldati di questa Rivoluzione.

Tu appartieni al popolo aymara, uno dei popoli originari del continente latinoamericano. Incontrarsi con gli altri popoli del continente, qui a Quito, cosa ha destato in te?
Per me é stata la prima volta venire qui in Ecuador ed è stata la mia prima partecipazione ad un incontro latinoamericano dei popoli originari del continente. Son stata sempre in Bolivia a lavorare.
Sono molto felice di essere qui.
Penso che tutti noi popoli ancestrali di questo continente soffrano gli stessi problemi e per questo bisogna mobilitarsi per risolverli. Abbiamo lo stesso obiettivo finale, ossia quello di riconquistare i nostri diritti basici.
Qui nei gruppi di lavoro abbiamo parlato anche e sopratutto di questo. Abbiamo evidenziato i punti in comune e ci siamo confrontati sulle diverse esperienze di lotta. Quello che sta avvenendo in Bolivia è fondamentale per le nazionalità originarie d’America Latina. Ho partecipato a quest’incontro anche per raccontare e comunicare di questa nostra lotta presente.

Il Presidente Evo Morales ha proposto 10 “comandamenti” per salvare il pianeta ed ha convocato un incontro internazionale a La Paz per discutere della salute del globo terrestre…
Vedi fratello ho già partecipato a degli incontri preparatori nel mio Paese per la salvaguardia del Kumak Kasuay. Abbiamo stabilito dei punti in comune tra tutte le organizzazioni partecipanti:
1_ Assunzione delle responsabilità da parte dei paesi cha hanno provocato questo stato di cose.
2_Difesa delle nostre risorse e nazionalizzazione delle stesse.
3_Convocazione di un incontro internazionale sull’ambiente a La Paz

Tu lavori da anni in un gruppo sociale che si chiama Contexto. Ci racconti del lavoro svolto e delle attività in programma?


Dunque le organizzazioni di donne che oggi lottano e partecipano a questo processo sono nate circa 18 anni fa, ancor prima dell’avvento di Evo Morales al Governo.
In questi anni abbiamo chiesto, non so quante volte, dei convegni coi vari Ministeri per sviluppare maggiormente il nostro lavoro sociale nei territori
della capitale. Abbiamo ricevuto sempre delle risposte negative. Abbiamo chiesto degli incontri, delle audienze coi vari segretari ministeriali ma le porte erano sempre chiuse. Abbiamo lacrimato sangue per i NO raccolti.
Ebbene prima di partire per Quito, lo scorso martedi (fine gennaio 2010), abbiamo firmato il Convegno col Ministero dell’Educazione che ci ha praticamente comunicato che le nostre organizzazioni diventano dei CENTRI TECNICI D’EDUCAZIONE TERRITORIALE.
Quindi dopo 18 anni si stanno aprendo le porte e questo sta accadendo con le altre organizzazioni sociali. Il Governo di Evo Morales è vicino ai gruppi che lavorano per l’emencipazione culturale e sociale degli esclusi storici della Bolivia.
Altri Ministri hanno concluso dei Convegni con altri gruppi come ad esempio il Ministro della Salute che ha concesso la nascita di ambulatori territoriali coogestiti con le organizzazioni sociali che da anni si battono per un’assistenza gratutita. Si danno farmaci gratuiti per farti capire.
Un altro convegno è stato raggiunto con il Ministero della Produzione, il quale ci ha dato dei macchinari utili per la formazione di micro – imprese. Abbi
amo dato vita, finora, a 4 micro – imprese collocate in 4 differenti zone del Paese. Stiamo cominciando a produrre prodotti locali che verranno poi commercializzati. Lavoriamo in forma cooperativa, con solo donne e con la tutela dei diritti delle lavoratrici.
Stiamo lavorando anche in questo senso, perchè vogliamo contribuire allo sviluppo dell’apparato produttivo. Non chiediamo, in maniera assistenziale il lavoro. Vogliamo essere partecipi, responsabili e attivi del processo. Siamo in grado, oggi, di poter realizzare micro – imprese e cooperative di 20 – 25 lavoratrici in ogni angolo del Paese e questo ovviamente grazie all’aiuto del Governo.

Grazie Máxima!
Molte grazie a te fratello. Sono contenta di condividere coi rappresentanti dei differenti paesi questa lotta comune che per me è oggi più attiva che mai in Bolivia. Non dobbiamo pensare solo a noi ma anche a tutti i compagni e alle compagne che stanno costruendo il cambiamento nel continente.
Non lasciamo porte chiuse a coloro che oggi non sono con noi  perchè sono convinta che domani marceranno al nostro fianco.

di Davide Matrone

Advertisements

Informazioni su QUITO LATINO

Notizie dall'Ecuador e dall'America Latina
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Intervista a Máxima Apaza del popolo aymara della Bolivia

  1. Pingback: Intervista a Máxima Apaza del popolo aymara della Bolivia |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...